Smalto in gravidanza: si può usare?

È possibile sfoggiare contemporaneamente il dolcissimo pancione della dolce attesa e delle unghie perfettamente curate? Detto in maniera più prosaica, si può usare lo smalto in gravidanza? Si tratta di un dubbio che potrà fare sorridere alcuni ma in realtà rivela una questione più discussa e problematica di quel che potrebbe sembrare a prima vista.

Durante i nove mesi che porteranno alla nascita del vostro bambino bisogna rinunciare a manicure e pedicure? Si tratta di un periodo indubbiamente “delicato” e a tratti magico, ma possiamo dirlo subito, non volendo fare nessun tipo di allarmismo: non ci sono grosse complicazioni nel continuare ad imbellettare le proprie unghie in gravidanza.

Occorre tuttavia badare ad alcuni dettagli, avere qualche piccola accortezza. Quali potrebbero essere le problematiche coinvolte? Fondamentalmente si tratta di un problema di tossicità. Alcune sostanze/componenti presenti nell’amalgama chimica degli smalti potrebbero risultare – va detto, in minima parte – dannose per il feto, soprattutto se quest’ultimo ne rimanesse a contatto per lungo tempo.

Di che sostanze stiamo parlando? Ci sono tre sostanze che sarebbe meglio evitare: il Dibutil Ftalato, la Formaldeide e il Toluene. Queste triade va a determinare quella che viene definita la fascia “Big 3 Free”, ovvero tutto quei prodotti che appunto non contengono questo trio abbastanza “invasivo” e si configurano quindi come prodotti (un po’) più sani e “naturali”.

Volendo formare una cinquina di sostanze da evitare nella composizione chimica degli smalti da utilizzare potremmo aggiungere anche la Canfora e la Tosylamide. In questo senso il nostro invito è quello di riprendere la sana abitudine di leggere con attenzione le etichette dei prodotti che si acquistano: non solo per quanto riguarda la cosmetica, ma un po’ per ogni ambito merceologico.

Al netto di questa carrellata di sostanze (ripetiamo nulla di tragico per la salute del bambino, se usate con parsimonia), veniamo ad una serie di consigli pratici su come curare le proprie unghie in gravidanza, applicando lo smalto nel modo più sicuro possibile.

Primo piccolo accorgimento: applicate lo smalto in aree/zone ventilate-spaziose, in questo modo farete sì che i vapori/odori di sostanze “forti” (vedi ad esempio l’ammoniaca) possano entrare troppo in contatto col bimbo, e inoltre andrete ad evitare il rischio di nausea per voi stesse (che come sappiamo è sempre dietro l’angolo in questi nove mesi!).

Nella fattispecie, più che allo smalto “normale”, fate attenzione a gel particolari a base di ciano-acrilati ed evitate di applicare unghie finte o smalti semi-permanenti: avrete tempo per cure più certosine! Volendo essere proprio scrupolose potreste applicare una semplice mascherina durate il trattamento.

Qualche ulteriore accorgimento: fareste bene ad utilizzare sempre prodotti di qualità. Vale la pena spendere qualche euro (o addirittura centesimo!) in più per prodotti clinicamente testati, rispetto a robaccia scadente.

Stessa cosa nel caso decideste di affidarvi a trattati in strutture specializzate: controllate sempre che tutto sia a norma. Se invece procedete in maniera autonoma e “casalinga” fate attenzione a due cose: da un lato ad applicare il prodotto in maniera perfettamente aderente all’unghia (senza sbavare sulla pelle) e dall’altro a verificare di avere delle unghie perfettamente sane (senza micosi, ad esempio). Detto ciò, una volta preso in braccio il vostro piccolo, probabilmente vi dimenticherete dello smalto per un po’!

Bestseller No. 1
Smalto per unghie Zoya ROMY | colore bianco avorio | 15ml
  • PROFESSIONALE AL 100% stesura omogenea e brillante; pennello tedesco che rende l'applicazione molto semplice; boccettina in vetro italiano che conferisce al prodotto un aspetto lussuoso
PromoBestseller No. 2
Rimmel London Smalto per unghie 60 Seconds Super Shine, 8 ml
  • Una manicure professionale ad alta lucentezza finitura. Lo smalto presenta un alto Pearl formula per forte colore audace audace
Bestseller No. 5
Smalto in gravidanza: si può usare?
Vota il post